Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicita’ esclusivamente sulla base della disponibilita’ di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non puo’ considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.

© 1999-2017 by Ass. Cult.Contrada 7 - Site Version 7.0

  • Redazione PdM

MAURITIUS: IL MISTERO DELLA SETTE TERRE COLORATE


Rosso, marrone, viola, verde, blu, azzurro e giallo: sono questi i sette colori scelti dalla natura per colorare le dune di Mauritius.

Siamo vicino al villaggio di Chamarel, sul versante sud-occidentale dell’isola, e questo terreno di 7.500 metri quadrati privo di vegetazione sembra dipinto ed è in grado di cambiare tonalità in base al momento della giornata e alla luce solare. Una curiosità ancora senza una spiegazione, non unica al mondo ma altamente suggestiva.

Lo stesso fenomeno delle Sette terre colorate mauriziane è visibile anche in Cina, nel parco Zhangye Danxia, dove le montagne sembrano dipinte da Van Gogh. Ma questo paesaggio a prova d'artista rimane uno dei più grandi misteri della geologia, anche perché non è certo che l'origine delle due attrazioni sia comune.

Niente di soprannaturale, comunque. Il merito potrebbe essere delle antiche rocce vulcaniche che, nel tempo, si sono raffreddate a temperature diverse generando diverse gradazioni di sabbia colorata. A metterci lo zampino sono le concentrazioni di ferro e alluminio, responsabili rispettivamente dei colori rosso e antracite, blu e violaceo, che si sono depositati creando degli strati simili alle creazioni di sabbia colorata nelle bottiglie di vetro.

Uno dei misteri delle terre colorate di Chamarel è che, nonostante le violente piogge tropicali che si abbattono periodicamente sull’isola, le rocce non mostrano alcun segno di erosione. E anche se il vento mescola i granelli di sabbia colorata, dopo qualche ora le dune tornano comunque «a strisce». La luce del sole, specie al mattino presto e al tramonto, fa il resto, regalando scenari mozzafiato. Insomma, una tavolozza di colori che testimonia ancora una volta come la natura sia bizzarra e inspiegabile.

(fonte: La Stampa)

#Mauritius #sabbia #fenomeninaturali #geologia

13 visualizzazioni