Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicita’ esclusivamente sulla base della disponibilita’ di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non puo’ considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.

© 1999-2017 by Ass. Cult.Contrada 7 - Site Version 7.0

  • Enrico Galimberti - Acam.it

TUBI DI PLASMA ATTORNO ALLA TERRA?


La scoperta è stata accolta con un certo grado di scetticismo nel campo dell’Astrofisica, ma una studentessa Università di Sydney, Cleo Loi, 23 anni, ha dimostrato che il fenomeno sussiste.

Utilizzando un radiotelescopio

nell’entroterra occidentale australiano per osservare lo spazio in 3D, la giovane Loi ha dimostrato che l’atmosfera terrestre è attraversata da queste strutture di plasma tubolari, che, come si nota nell’immagine, somigliano a tubi o canali. Il complesso dei condotti multistrato è effetto dalla ionizzazione prodotta dalla luce solare sull’atmosfera.

“Da oltre 60 anni gli scienziati immaginavano che queste strutture esistessero, ma finalmente abbiamo fornito la prova visiva che esistono veramente”, ha detto Loi, del Australia Research Council Centre of Excellence for All-sky Astrophysics (CAASTRO).

“Abbiamo misurato la loro posizione a circa 600 chilometri sopra la terra, nella ionosfera superiore e sembrano continuare verso l’alto nella plasmasfera.

“E’ più o meno dove termina l’atmosfera neutra, e si inizia ad attraversare il plasma dello spazio esterno.

“Abbiamo ottenuto un modello sorprendente nel cielo dove strisce di plasma ad alta densità ordinatamente si alternano con strisce di plasma a bassa densità. Questo modello si muove lentamente ed è allineato perfettamente con le linee del campo magnetico della Terra, come le aurore.

“Ci siamo resi conto che possiamo essere di fronte a qualcosa di grosso.”

La svolta è arrivata quando Cleo Loi utilizzato il telescopio Array Murchison Widefield (MWA), per mappare grandi aree di cielo in un modo nuovo.

“E’ stato come trasformare il telescopio in un paio di occhi e siamo stati in grado di sondare la natura 3D di queste strutture e guardarli mentre si muovono”, ha detto Loi.

“Siamo stati in grado di misurare la distanza tra di loro, la loro altezza dal suolo e la loro forte inclinazione. Questo non è mai stato possibile prima ed è un molto emozionante questa nuova tecnica “.

Ms Loi ha detto a news.com.au che la sua ricerca è stata inizialmente respinta in quanto fondata su imperfezioni nelle immagini del telescopio.

“Non avevano mai visto questo tipo di cose prima. Nessuno aveva guardato i dati in questo modo prima”.

“Abbiamo scoperto che i modelli di ionizzazione nella ionosfera sono abbastanza strutturato. Essi scorrono in queste strutture tubolari che sono allineati con il campo magnetico terrestre. E possono quindi spostare di loro spontanea volontà. “

Il Pianeta Terra non smette mai di stupire.

Quello che non riusciamo a percepire attraverso i normali sensi ci è riconsegnato dalla tecnologia.

E la tecnologia ci restituisce l’immagine di un Pianeta vivo, Gaia, la Madre Terra degli Antichi. Se solo fossimo in grado, anche attraverso queste scoperte e le menti potenzialmente superiori delle giovani generazioni, di riscoprire il contatto tra noi e l’ambiente e tra la Terra e l’Universo, forse, anche a livello sociale migliorerebbero molte cose.

Occorre vivere il mistero perché ne siamo circondati e la scienza, unita alle altre discipline della Ricerca, non smette mai di dare prova di questa affermazione.

Una speranza in più?

#Terra #Plasma #fenomeninaturali